David: presentazione Vergine

David: presentazione Vergine

Giovanni David

(Cabella 1743 – Genoa 1790)

Presentazione della Vergine al Tempio

1783

Penna a inchiostro nero, acquerelli policromi, tempera su carta, 522 x 485 mm

Provenienza: Roma, collezione privata

Si tratta del disegno di presentazione per la Presentazione della Vergine dipinta da David nel 1785 per la chiesa di Santa Maria delle Vigne a Genova.

I due fogli (Presentazione della Vergine e Nascita della Verigine) ben rappresentano il talento e la poetica di Giovanni David, incisore all’acquaforte e all’acquatinta, pittore di figura, storia e di scene teatrali, che sotto la protezione della famiglia Durazzo si recò per studio da Genova dapprima a Roma, presso l’accademia privata di Domenico Corvi (1770-1775) e poi a Venezia, raggiungendo l’ambasciatore imperiale Giacomo, che coadiuvò nella formazione della raccolta di stampe e disegni destinata a costituire il primo nucleo dell’Albertina di Vienna. A Venezia (1775-1776) David sembrò trovare i riferimenti figurativi – tra i perpetui modelli rinascimentali e quelli dell’ormai declinante stagione rococò – più affini alla sua ispirazione immaginosa e al suo brillante cromatismo rispetto al rigore degli incipienti canoni classicisti. Mentre gli accenti drammatici dei suoi chiaroscuri, spesso al lume notturno, la grandiosità delle sue ambientazioni, le torsioni a contrapposto delle figure e il compiacimento per i soggetti macabri potevano trovarsi piuttosto in sintonia con il sublime dei nordici presenti a Roma nei medesimi anni di David, cioè Fussli, Sergel e Abildgaard, la cui eredità ideale dovevano interpretare in seguito Giani e la sua Accademia dei Pensieri.

Il biografo Alizeri ricordava che l’eccentrico artista amava arricchire le sue invenzioni di sorprendenti effetti prospettici e luministici, come nei disegni qui presentati. “Ma in sì fatti partiti d’architettura, come a dire o sfuggimenti di colonne o gradinate o vestiboli o scorci di soppalchi o degradare di edifizj pose anche affetto singolare, fino a dimenticarsi talvolta del magistero principale. De’ disegni ch’io vidi in carta v’han pochi i quali non abbiano o come parte del soggetto, o tirato a penna sul tergo o sul margine, alcun saggio di questo suo talento.” Così argomentava il biografo, che poi descriveva una specifica tipologia di disegno che preludeva all’esecuzione pittorica. “Queste sue carte soleva ombrare di fuliggine, forte e risolutamente: prima studioso di masse risentite e di pronti effetti, che dei contorni o d’altro numero d’arte. Talvolta le variava di tinte leggere, quando specialmente intendeva a produrle in tela: curava allora le linee, decideva i toni, studiava le espressioni, come uomo che s’assicuri dell’opera.”

I due disegni rappresentanti la Nascita della Vergine e la Presentazione della Vergine al Tempio rientrano in questa tipologia, legata verosimilmente alla presentazione dei progetti alla committenza. Sono infatti legati alla decorazione ideata dall’architetto Gaetano Cantone per il presbiterio di Santa Maria della Vigna a Genova con soggetti mariani, tra 1783 e 1785. Il romano Giuseppe Cades ottenne l’incarico per la Nascita della Vergine, mentre David eseguì la Presentazione della Vergine al Tempio e Carlo Giuseppe Ratti, che condivideva con gli altri la formazione romana, l’Annunciazione.

Il disegno della Presentazione al Tempio costituisce una variante del dipinto poi eseguito da David, con la grandiosa e scenografica ambientazione architettonica, l’avvenimento principale sottolineato dalla regia delle luci, arricchito poi nel quadro dalle numerose figure accessorie così consone all’immaginazione curiosa dell’artista. Se Cades risolveva il soggetto a lui assegnato nell’impaginazione composta e solenne, ecco che invece la Nascita della Vergine proposta da David in disegno si accende di luci principali e secondarie che nei complessi piani prospettici  rievocano le carceri piranesiane.

 

Bibliografia di riferimento: F. Alizeri, Notizie dei professori del disegno in Liguria dalla fondazione dell’Accademia, vol. 1, Genova 1864, pp. 358-388; M. Newcombe, G. Grasso, Giovanni David. Pittore e incisore della famiglia Durazzo, Torino 2003.

Per ulteriori informazioni, per acquistare o vendere opere di Giovanni David (1743 - 1790) e per richiedere stime e valutazioni gratuite


Tel +39 06 6871093

Mail info@carlovirgilio.it

Whatsapp +393382427650

oppure scrivici qui: